Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’autodichiarazione sugli aiuti di Stato va abrogata

Le nove associazioni sindacali dei commercialisti chiedono l’intervento dei Garanti del contribuente: «L’adempimento è illegittimo»

/ Savino GALLO

Sabato, 14 maggio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’invio entro il prossimo 30 giugno della dichiarazione sostitutiva per i soggetti che hanno beneficiato degli aiuti di Stato durante l’emergenza COVID-19, disposto dall’Agenzia delle Entrate con il provvedimento n. 143438 del 27 aprile scorso, è un “adempimento illegittimo” e per questo “andrebbe abrogato”.

Questo, in sintesi, il contenuto della missiva che le nove associazioni sindacali dei commercialisti (ADC - AIDC - ANC - ANDOC - FIDDOC - UNAGRACO - SIC - UNGDCEC – UNICO) hanno inviato ieri a tutti i Garanti del contribuente, a cui si chiede di intervenire “affinché l’Agenzia delle Entrate si adoperi per un agire che sia pienamente rispettoso delle norme dello Statuto del Contribuente”.

Il problema, secondo i sindacati, starebbe ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU