Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 11 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Plafond non ammesso per gli acquisti con IVA indetraibile

Il cedente o prestatore non può invocare la buona fede, se l’IVA è oggettivamente indetraibile

/ Mirco GAZZERA

Sabato, 25 giugno 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

In occasione di Telefisco del 15 giugno 2022, l’Agenzia delle Entrate ha ribadito che gli esportatori abituali non possono utilizzare il plafond IVA al fine di acquistare beni e servizi per i quali l’imposta sarebbe indetraibile. In caso di violazione di questo divieto, la sanzione si applica nei confronti del cessionario o committente, ma è responsabile anche il cedente o prestatore, se l’IVA è oggettivamente indetraibile.

I soggetti passivi aventi lo status di “esportatori abituali” possono acquistare e importare beni, diversi dai fabbricati e dalle aree edificabili, nonché acquistare servizi, nei limiti del plafond disponibile senza pagamento dell’IVA (art. 8 comma 1 lett. c) del DPR 633/72). Tale meccanismo permette di evitare o ridurre la fisiologica

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU