Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 11 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Abusivo il rilascio di fideiussioni da società estere non autorizzate

Determinante la revoca della possibilità di operare anche in territorio britannico

/ Maurizio MEOLI

Sabato, 25 giugno 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, nella sentenza n. 24569, depositata ieri, ha affermato che è riconducibile alla fattispecie di abusiva attività finanziaria, di cui all’art. 132 del DLgs. 385/1993 (c.d. TUB), il rilascio di numerose polizze fideiussorie in territorio italiano da parte dell’amministratore di una società inglese alla quale sia stata revocata l’autorizzazione allo svolgimento di tale operatività, e che, quindi, per operare in Italia avrebbe dovuto conseguire l’iscrizione nell’apposito albo degli intermediari finanziari.

Ai sensi dell’art. 132 del DLgs. 385/1993, è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni e con la multa da 2.065 a 10.329 euro, chiunque svolga, nei confronti del pubblico una o più attività finanziarie previste dall’art. 106 comma ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU