Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Spese di soggiorno per formazione del professionista con indicazione differenziata

Vitto e alloggio interamente deducibili ove sostenuti nell’ambito di convegni e congressi fuori sede

/ Luca FORNERO

Giovedì, 30 giugno 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la ripresa più significativa di convegni e corsi di aggiornamento in presenza, nel quadro RE del modello REDDITI 2022 tornano potenzialmente ad assumere un ruolo significativo anche le spese di formazione.
In linea di principio, tali oneri devono essere indicati all’interno del rigo RE17, distinguendoli, in relazione alla loro tipologia, tra i vari campi presenti.

Ai sensi dell’art. 54 comma 5 del TUIR, le spese per l’iscrizione a master e a corsi di formazione o di aggiornamento professionale, nonché le spese di iscrizione a convegni e congressi, comprese quelle di viaggio e soggiorno, sono integralmente deducibili entro il limite annuo di 10.000 euro.

La legge non specifica espressamente la nozione di soggiorno e, nonostante la disciplina attualmente vigente si applichi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU