Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 25 settembre 2022

FISCO

Cessioni INTRA assimilate al di fuori dell’esterometro

La comunicazione è dovuta per le sole operazioni con controparti non stabilite in Italia

/ Emanuele GRECO e Simonetta LA GRUTTA

Giovedì, 22 settembre 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

La comunicazione delle operazioni transfrontaliere (c.d. “esterometro”) intercetta tutte le cessioni e prestazioni la cui controparte non è stabilita ai fini IVA in Italia.
Sul piano soggettivo, sono tenuti a trasmettere i dati tutti coloro che sono stabiliti in Italia, mentre ne sono esclusi i non residenti che abbiano nominato nel territorio dello Stato un rappresentante fiscale (art. 17 comma 3 del DPR 633/72) o che si siano identificati direttamente ai fini IVA (art. 35-ter del DPR 633/72).

Fatte queste premesse, l’obbligo comunicativo riguarda, con tutta evidenza, anche le cessioni intracomunitarie, ai sensi dell’art. 41 comma 1 lett. a) del DPR 633/72, per le quali, oltre agli altri requisiti, il cessionario è un soggetto passivo in un altro Stato membro della Ue.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU