Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 27 novembre 2022

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

Scomputo delle imposte estere dalla sostitutiva nelle Convenzioni più risalenti

Secondo la Cassazione il Trattato Italia-USA ammette la detrazione nei casi in cui non sia possibile optare per l’imposizione ordinaria

/ Luisa CORSO

Mercoledì, 19 ottobre 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

In base a quanto stabilito dalla Cassazione n. 25698/2022, stando al tenore della maggior parte delle Convenzioni siglate dall’Italia, una persona fisica residente può detrarre, dall’imposta sostitutiva sui dividendi liquidata in Italia, le imposte assolte all’estero nei casi in cui il contribuente non abbia la facoltà di optare per l’imposizione ordinaria.

Il principio espresso dalla Suprema Corte poggia su una lettura a contrario della disposizione recata dall’art. 23 § 3 della Convenzione Italia-Stati Uniti, rilevante nel caso di specie, per cui, premesso che l’Italia individua il credito di imposta quale metodo di eliminazione della doppia imposizione, “nessuna deduzione sarà accordata ove l’elemento di reddito sia assoggettato in Italia ad ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU