ACCEDI
Domenica, 14 aprile 2024

IMPRESA

Necessaria un’effettiva ingerenza profittatrice per l’interesse privato del curatore

Il curatore «prende interesse» se, nello svolgimento dell’incarico, sfrutta il suo ufficio per un interesse privato

/ Stefano COMELLINI

Mercoledì, 2 agosto 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 33878 depositata ieri, la Cassazione si è soffermata diffusamente sul reato di interesse privato del curatore e del commissario giudiziale, fissandone i limiti di applicazione con riferimento sia agli ambiti fallimentari (oggi di liquidazione giudiziale) che a quelli delle procedure concordatarie.

Oggetto del ricorso, in via cautelare, era il decreto di sequestro preventivo per i reati, oltre che di peculato e autoriciclaggio, di interesse privato del curatore; fattispecie, quest’ultima, trasferita dall’art. 228 della previgente L. Fall. all’art. 334 del CCII, con la sola sostituzione del termine “fallimento” con “liquidazione giudiziale”. Secondo l’ipotesi di accusa, gli indagati avevano ideato e realizzato un sofisticato sistema ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU