ACCEDI
Martedì, 27 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Non rispondono al curatore gli eredi rinunzianti dell’amministratore defunto

È irrilevante che la rinuncia all’eredità sia intervenuta dopo la riassunzione del giudizio nei loro confronti

/ Monica VALINOTTI

Venerdì, 15 settembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il Tribunale di Napoli, nella sentenza n. 406/2023, si è pronunciato sulle sorti dell’azione di responsabilità promossa (ex art. 146 del RD 267/42, oggi confluito nell’art. 255 del DLgs. 14/2019) dal curatore fallimentare nei confronti dell’ex amministratore di una spa, deceduto in corso di causa.
Nel caso di specie, a séguito del decesso dell’amministratore convenuto, il giudice aveva dichiarato l’interruzione del giudizio e il curatore fallimentare aveva provveduto a riassumerlo nei confronti degli eredi (più correttamente, dei chiamati all’eredità) dell’amministratore medesimo.

Dopo la notifica del ricorso in riassunzione, i chiamati all’eredità dell’amministratore originariamente convenuto avevano rinunciato all’eredità stessa, dandone ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU