ACCEDI
Martedì, 27 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

CNDCEC e sindacati: «Sui gestori della crisi dal Ministero valutazioni errate»

Molti commercialisti rischiano l’esclusione o la cancellazione dal relativo elenco. CNDCEC già al lavoro per risolvere la questione

/ Savino GALLO

Venerdì, 17 novembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Negli ultimi giorni, molti commercialisti hanno ricevuto comunicazione di esclusione dall’elenco dei gestori della crisi da sovraindebitamento, per non aver assolto gli obblighi formativi previsti dal DM 202/2014. La questione, in realtà, riguarda non l’assenza dei necessari crediti formativi ma il mancato riconoscimento, da parte del Ministero della Giustizia, dell’equipollenza dei corsi formativi frequentati ai fini dell’iscrizione all’Albo dei curatori ex art. 356 del Codice della crisi d’impresa (si veda anche “Equipollenza negata per l’iscrizione al registro dei gestori della crisi” di oggi).

La questione, che non ha mancato di generare perplessità e critiche, è finita sotto i riflettori dopo un comunicato stampa diffuso ieri dall’Associazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU