ACCEDI
Martedì, 27 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

La modifica del fondo patrimoniale può derogare all’autorizzazione giudiziale

L’accordo modificativo deve rispondere ai bisogni della famiglia

/ Anita MAURO e Carmela NOVELLA

Giovedì, 23 novembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’ordinanza n. 32484 pubblicata ieri, la Corte di Cassazione ha ritenuto valida la convenzione tra i coniugi modificativa dell’atto costitutivo del fondo patrimoniale, ove si preveda, in deroga all’art. 169 c.c., la possibilità, pur in presenza di figli minori, di alienare, ipotecare, dare in pegno o comunque vincolare beni del fondo patrimoniale senza autorizzazione giudiziale, nei soli casi di necessità o evidente utilità connesse ai bisogni della vita familiare.

Nel caso di specie, i coniugi Tizio e Caia, dopo aver costituito un fondo patrimoniale con conferimento dell’immobile adibito a casa coniugale, avevano stipulato un successivo accordo di modifica per riconoscersi la facoltà di concedere ipoteca sull’immobile senza l’autorizzazione giudiziale  ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU