ACCEDI
Mercoledì, 28 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

INIZIATIVE DI CATEGORIA

Nominati i nuovi revisori dei conti del CNDCEC

/ REDAZIONE

Venerdì, 15 dicembre 2023

x
STAMPA

Nel corso dell’assemblea dei Presidenti che si è tenuta ieri a Roma, i rappresentanti degli Ordini territoriali hanno eletto il nuovo Collegio dei revisori del Consiglio nazionale dei commercialisti, che entrerà ufficialmente in carica il prossimo febbraio e terminerà il suo mandato nel 2028. Ne faranno parte Rosanna Marotta (ODCEC di Caserta), in qualità di Presidente, Maura Rosano (Rieti) e Sergio Ceccotti (Gorizia), mentre i due membri supplenti saranno Giuseppe Canto (Siracusa) e Patrizia Apostoli (Brescia).

Al termine della votazione, il Presidente del CNDCEC, Elbano de Nuccio, ha sottolineato “la capacità degli Ordini locali di coordinarsi per presentare una lista unitaria, per aver dato voce a tutti i territori e per aver ampiamente rispettato le quote di genere. Una grande prova di unità e di esercizio della democrazia”.

Durante l’assemblea di ieri, è stato anche approvato il bilancio preventivo del Consiglio nazionale, illustrato dal Tesoriere Salvatore Regalbuto, che si è soffermato sulle scelte tecniche che hanno portato il CNDCEC all’erogazione dei due contributi straordinari in favore degli Ordini territoriali, utilizzando l’avanzo di bilancio.

In più, si è parlato del nuovo sito internet del Consiglio nazionale, che dovrebbe essere on line a fine aprile 2024, e dei modelli di portale che verranno messi a disposizione degli Ordini territoriali. Presentando il progetto, Fabrizio Escheri, Consigliere nazionale con delega a innovazione e digitalizzazione, ha spiegato che ci si avvarrà delle “più recenti tecniche di intelligenza artificiale, grazie alle quali l’interrogazione sia del sito del Consiglio Nazionale, sia di quelli degli Ordini territoriali potrà avvenire anche tramite un sistema di ChatBot, in grado di fornire risposte alle domande formulate dall’utente in linguaggio naturale”.

L’adozione del modello di portale è facoltativa, ma sia Escheri che de Nuccio hanno auspicato, si legge nella nota diffusa ieri al termine dell’assemblea, una “massiccia adesione da parte degli Ordini, dai più piccoli ai più grandi. Una scelta che garantirebbe un’immagine coordinata e coerente della categoria e anche un risparmio di costi per territori”.

Gli Ordini che volessero procedere in tal senso dovranno darne comunicazione al CNDCEC entro il prossimo 15 gennaio. Verrà poi stilata una graduatoria in base all’ordine cronologico di arrivo delle richieste e, dal 1° marzo 2024, si partirà con il rilascio dei portali ai singoli ODCEDC. Il Consiglio nazionale concederà la licenza del portale in uso gratuito e a tempo indeterminato, fornendo anche i relativi servizi di gestione, assistenza e supporto specialistico fino al 23 marzo del 2026.

TORNA SU