ACCEDI
Mercoledì, 24 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per gli atti di recupero dei crediti possibile l’acquiescenza

Inibita la possibilità del pagamento rateale e della compensazione

/ Rebecca AMATO

Lunedì, 26 febbraio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con il decreto delegato n. 13/2024, attuativo della legge di delega fiscale (L. 111/2023), viene introdotta una disciplina organica sull’avviso di recupero del credito di imposta mediante il nuovo art. 38-bis del DPR 600/73.
Emerge dal decreto che il contribuente potrà:
- formulare istanza di accertamento con adesione;
- definire le sanzioni al terzo ai sensi degli artt. 16 e 17 del DLgs. 472/97.

Si segnala che nel sistema attuale, per i crediti inesistenti la definizione delle sanzioni è vietata dall’art. 13 comma 5 del DLgs. 471/97, invece la nuova disciplina non prevede alcuna distinzione di operatività.
Per cui a fronte sia di atti di recupero dei crediti non spettanti che inesistenti, il contribuente potrà avvalersi di detto beneficio.

Particolare appare la possibilità per il contribuente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU