ACCEDI
Giovedì, 13 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

L’attuazione della delega fiscale impone il cumulo per le sanzioni agli intermediari

Col decreto Sanzioni viene meno la differenza tra violazione formale e sostanziale

/ Alfio CISSELLO

Venerdì, 8 marzo 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 7-bis del DLgs. 241/97 punisce con una sanzione da 516 a 5.164 euro l’omessa o tardiva trasmissione telematica delle dichiarazioni a opera degli intermediari abilitati ai sensi dell’art. 3 comma 3 del DPR 322/98.

Lo schema di decreto legislativo in tema di riforma delle sanzioni amministrative, stando alla bozza circolata, non esamina le sanzioni anzidette, ma ciò non significa che le modifiche che potranno essere apportate al DLgs. 472/97 saranno irrilevanti.

Si ricorda come sussista, ormai da anni, una differente interpretazione tra prassi e giurisprudenza in tema di cumulo giudico delle sanzioni laddove l’intermediario abilitato abbia omesso la presentazione, nei termini, di diverse dichiarazioni.

La prassi (ris. Agenzia delle Entrate 30 luglio 2004 n. 105, circ. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU