ACCEDI
Giovedì, 25 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La maggiorazione dell’accisa non comporta l’automatica debenza dell’IVA

La Corte di Giustizia si è pronunciata per il caso di prodotti energetici ai quali era applicata un’aliquota più elevata

/ Lucilla RAFFETTO

Lunedì, 17 giugno 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con sentenza del 25 aprile 2024, resa nella causa C-657/22, la Corte di Giustizia Ue ha chiarito che per i prodotti energetici reintrodotti in deposito fiscale e destinati a essere utilizzati come combustibile per riscaldamento, non è dovuta l’IVA sull’importo preteso a titolo di supplemento di accisa.

Nella fattispecie, una società rumena, a causa di problemi di incompatibilità con gli impianti termici dei clienti, aveva reintrodotto nel proprio deposito fiscale un prodotto energetico a uso combustibile, ai fini della successiva rivendita, senza tuttavia osservare le prescrizioni in materia di contrassegni e colorazione, nonché l’obbligo di notifica alla Dogana, imposti dalla normativa nazionale.

Di conseguenza, le autorità fiscali rumene hanno ritenuto applicabile l’aliquota ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU