X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 16 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nelle fusioni giudizio di operatività slegato dall’esistenza del triennio di riferimento

Non tutti gli incrementi patrimoniali del biennio precedente riducono poi il limite quantitativo

/ Emanuele LO PRESTI VENTURA

Lunedì, 17 dicembre 2018

Il mantenimento del diritto al riporto delle perdite fiscali, delle eccedenze di interessi passivi e delle eccedenze ACE maturate in capo a una qualunque delle società interessate da una fusione dipendono dal superamento di un duplice test di legge.
In particolare, con massimo beneficio di sintesi, la società loro titolare deve dimostrarsi operativa sulla base di una verifica di portata come minimo triennale, avente ad oggetto i ricavi della gestione caratteristica e le spese per prestazioni di lavoro subordinato, con relativi contributi. In via ulteriore, la medesima società deve risultare titolare di un patrimonio netto, quale risulta dall’ultimo suo bilancio o, se inferiore, dalla situazione patrimoniale richiesta dal codice civile, di ammontare almeno pari alla somma delle posizioni

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU