X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 17 gennaio 2019 - Aggiornato alle 6.00

Lavoro & Previdenza

Illegittimo il contributo di solidarietà applicato dalla CNPADC sulle pensioni

La Cassazione ha ribadito la necessaria salvaguardia dell’integrità delle pensioni già maturate e liquidate

/ Luca MAMONE

Lunedì, 14 gennaio 2019

Con la recente sentenza n. 180/2019, la Corte di Cassazione ha ribadito l’illegittimità del contributo di solidarietà applicato dalla Cassa di previdenza e assistenza dei dottori commercialisti (CNPADC) a partire dal 2004, sulla base della disposizione ex art. 22 del Regolamento entrato in vigore lo stesso anno.
Con l’occasione, la Suprema Corte ha osservato che il prelievo in questione può essere introdotto per volontà del legislatore e non per mezzo di un provvedimento come quello emanato dalla predetta Cassa privata nel 2004.

In merito al caso in esame, relativo a un pensionato cui era stato applicato il prelievo in questione sulla pensione a far data dal 1° gennaio 2009 e per cinque anni, la competente Corte d’appello aveva giudicato contrario al principio di ragionevolezza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU