X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 20 ottobre 2019

LAVORO & PREVIDENZA

Sui danni per errata certificazione dei requisiti pensionistici risponde l’INPS

Per la Cassazione la responsabilità resta anche se il lavoratore è in grado di rendersi conto dell’errore

/ Luca NEGRINI

Mercoledì, 18 settembre 2019

Con la sentenza n. 23114 depositata ieri, i giudici di legittimità hanno esaminato una questione che, a giudicare dal numero di sentenze sul punto, è ancora troppo frequente, pur in un’epoca in cui gli strumenti informatici di gestione delle banche dati dovrebbero essere in grado di limitare gli errori.

Un dipendente, prossimo alla pensione, chiede all’INPS di conoscere la propria posizione contributiva, ai sensi di quanto previsto dall’art. 54 della L. 88/89, riceve dopo due giorni dalla richiesta una risposta positiva, che attesta l’esistenza di un numero di contributi utili alla maturazione della pensione di anzianità, e di conseguenza presenta le sue dimissioni al datore di lavoro, per fruire del trattamento di quiescenza. L’INPS in un primo tempo gli riconosce

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU