X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 novembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Incerta la responsabilità solidale del committente negli appalti

La disciplina è stata abrogata, ma il committente potrebbe rispondere per il 2012

/ Dario AUGELLO

Lunedì, 14 ottobre 2019

La disciplina relativa alla responsabilità solidale negli appalti, introdotta con l’art. 35, commi 28 e 28-bis del DL 223/2006, si applicava in origine agli appaltatori e concerneva il versamento delle ritenute alla fonte sui redditi corrisposti dai subappaltatori ai dipendenti.

La norma è stata successivamente modificata per effetto dell’art. 2, comma 5-bis del DL 16/2012 convertito: tale disposizione, a partire dal 29 aprile 2012, ha esteso la responsabilità solidale negli appalti ai committenti e anche per l’IVA. A distanza di quattro mesi, la norma è stata riformulata e sono stati inseriti, nel corpo dell’art. 35, i commi 28-bis e 28-ter (per effetto dell’art. 13-ter del DL 83/2012 convertito in vigore dal 12 agosto 2012).

Da un lato, il comma 28 limitava nuovamente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU