X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 13 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Piano proposto dal gruppo di consumatori senza vincoli di forma

L’istanza presentata congiuntamente deve rispondere a una specifica ratio economica

/ Chiara CRACOLICI e Alessandro CURLETTI

Mercoledì, 20 novembre 2019

Nelle procedure di composizione delle crisi da sovraindebitamento, partendo dalle considerazioni svolte dalla giurisprudenza di merito in materia (cfr. Trib. Novara decreto n. 47/2017, Trib. Torino decreto n. 147/2017, Trib. Napoli Nord decreto del 18 maggio 2018, Trib. Napoli decreto del 23 luglio 2019), si ritiene che, nel silenzio della legge, l’ammissibilità del piano proposto da un gruppo di consumatori possa affermarsi, alla luce della possibilità, contemplata dall’art. 8 comma 1 della L. n. 3/2012, di prevedere il pagamento dei crediti “attraverso qualsiasi forma”.

Sennonché, nella maggioritaria giurisprudenza di merito sviluppatasi in tema di piano del consumatore, ma applicabile, poiché sorretta dalla medesima ratio, anche alle altre due procedure, si ritiene ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU