X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 17 gennaio 2021

NOTIZIE IN BREVE

Codice fiscale e codice lotteria alternativi sul documento commerciale

/ REDAZIONE

Martedì, 24 novembre 2020

x
STAMPA

È stato pubblicato ieri il provvedimento n. 212 del 29 ottobre 2020 con il quale il Garante della Privacy ha espresso parere favorevole sulle modifiche in tema di lotteria degli scontrini approvate dall’Agenzia delle Entrate con il provv. n. 351449 dello scorso 11 novembre.

La lotteria prenderà avvio dal 1° gennaio 2021 e consentirà di partecipare all’estrazione di premi a fronte dell’acquisto di beni o servizi presso commercianti al minuto, previa comunicazione all’esercente del proprio codice lotteria. Tale codice è generato senza necessità di identificazione ed è associato univocamente al codice fiscale dell’acquirente.

Il provv. n. 351449/2020 ha esteso la possibilità di partecipare alle estrazioni anche agli acquisti effettuati presso esercenti tenuti all’invio dei dati al Sistema Tessera sanitaria (es. farmacie), che vendono beni o servizi che possono dare origine a detrazioni o deduzioni fiscali.

Lo stesso provvedimento ha però stabilito che tali acquisti partecipano alla lotteria soltanto se l’acquirente richiede all’esercente l’acquisizione del codice lotteria in luogo del codice fiscale (si veda “Acquisti nelle farmacie validi per la lotteria solo in assenza del codice fiscale” del 12 novembre 2020).

Secondo il Garante, la modifica in parola consente di evitare disparità di trattamento tra soggetti che vendono uno stesso prodotto, senza però vanificare l’efficacia del meccanismo di garanzia sul trattamento dei dati connesso all’utilizzo del codice lotteria. Tale meccanismo, infatti, sarebbe compromesso dalla contemporanea presenza, nel registratore telematico e sul documento commerciale, di entrambi i codici.

La novità è coerente con l’impostazione dei registratori telematici, che consentono di generare un documento commerciale che riporti in via alternativa soltanto uno tra il codice fiscale e il codice lotteria. In caso di acquisizione di quest’ultimo, il registratore predisporrà il flusso di dati della lotteria senza alcun riferimento alla descrizione dei beni o servizi.

TORNA SU