X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 18 gennaio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Sostitutiva per i titolari di pensione estera anche con redditi di fonte italiana

Necessaria una valutazione delle norme convenzionali per stabilire se il reddito, agevolato in Italia, sia o meno tassato anche nello Stato estero

/ Luisa CORSO

Mercoledì, 25 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nella risposta ad interpello n. 559 di ieri, 24 novembre 2020, l’Agenzia delle Entrate esamina le condizioni di fruizione del regime di imposizione sostitutiva previsto dall’art. 24-ter del TUIR per i titolari di pensione estera, nonché il relativo meccanismo di funzionamento. Tale regime, al ricorrere delle condizioni di legge, si sostanzia nell’applicazione di un’imposta sostitutiva del 7% sui redditi prodotti all’estero, con conseguente inibizione del beneficio del credito per le imposte assolte all’estero.

In base a quanto pare evincersi nella premessa al quesito, il caso prospettato riguarda una persona fisica, residente in Lussemburgo da oltre cinque anni e titolare, oltre che di una pensione INPS, anche di una pensione di fonte lussemburghese.

L’accesso ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU