X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 gennaio 2021 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

I freni all’intelligenza artificiale negli studi sono un rischio per la crescita

Le nuove tecnologie possono aiutare ad affrontare le nuove sfide della professione

/ Paolo BIANCONE, Paolo MESSINA e Silvana SECINARO

Mercoledì, 25 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Problemi di privacy, costi elevati, mancanza di incentivi statali per sostenere l’investimento. Questi sono i motivi principali che frenano i professionisti italiani all’adozione delle nuove tecnologie di intelligenza artificiale (AI) per espletare il proprio lavoro.

Secondo una ricerca condotta dal Dipartimento di Management dell’Università di Torino, coordinata dal prof. Paolo Biancone, su un campione di professionisti e praticanti in materie giuridiche ed economiche emerge che i professionisti sono resistenti all’innovazione tecnologica perché non ne conoscono le potenzialità. In particolare, i professionisti intervistati denunciano la mancanza di regolamentazione e di incentivi statali che non favoriscono l’innovazione, percepita come costosa dagli studi, soprattutto

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU