X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 gennaio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La riscossione in pendenza di giudizio dipende dalla sentenza

Privo di rilievo il giudicato sull’iscrizione provvisoria

/ Alfio CISSELLO

Mercoledì, 25 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La sentenza n. 24554 della Corte di Cassazione, depositata lo scorso 4 novembre, sancisce un principio che, per quanto possa sembrare naturale, è sempre bene ribadire, per evitare di cadere in equivoci.
I pagamenti che il contribuente esegue in base alla normativa in tema di riscossione in pendenza di giudizio (riscossione che, a seconda dei casi, può essere o meno integrale) sono per definizione provvisori. Pertanto, se il giudice annulla l’atto che ha dato luogo alla riscossione in pendenza di giudizio, le somme vanno rimborsate essendo irrilevante che il contribuente non abbia impugnato la iscrizione a ruolo oppure che sulla stessa si sia formato il giudicato.

Se il contribuente presenta ricorso, la riscossione di norma non si sospende, salvo casi specifici come per le imposte suppletive ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU