X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 18 giugno 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per l’acconto IMU dei fabbricati «D» delle imprese appositi coefficienti

Per tali fabbricati, non iscritti in Catasto e sprovvisti di rendita, base imponibile formata dai costi rivalutati con i coefficienti annualmente stabiliti

/ Stefano SPINA

Venerdì, 11 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Coloro che realizzano un nuovo fabbricato o ne ampliano uno esistente hanno l’obbligo di dichiararlo in Catasto, con le modalità di cui al DM 19 aprile 94 n. 701, entro 30 giorni dal momento in cui l’immobile è divenuto abitabile o servibile per l’uso cui è destinato.
La rendita così attribuita rappresenta la base imponibile per la determinazione dell’IMU.

Rappresentano un’eccezione, ai sensi dell’art. 1 comma 746 della L. 160/2019 i fabbricati non iscritti in Catasto e sprovvisti di rendita, classificabili nel gruppo catastale “D” (immobili a destinazione speciale) quali gli opifici, che nello stesso tempo risultino interamente posseduti da imprese e distintamente contabilizzati nei loro bilanci.

Per tali immobili, infatti, è prevista una particolare ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU