X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

È un minor ricavo la rinuncia a crediti relativi a canoni di affitto d’azienda scaduti

Essendo intervenuta nell’ambito di una revisione contrattuale non è qualificabile come perdita su crediti

/ REDAZIONE

Sabato, 16 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la risposta a interpello n. 716, diffusa ieri, l’Agenzia delle Entrate si è pronunciata sulla qualificazione, ai fini IRES e IRAP, di una rinuncia a crediti relativi a canoni scaduti afferenti a un contratto di affitto d’azienda, rinegoziato per effetto delle restrizioni da COVID-19.

Nel caso oggetto di interpello, le parti hanno proceduto alla “rinegoziazione”, al fine di “perequare” lo squilibrio contrattuale venutosi a creare, a danno del conduttore, a causa della pandemia.

Pertanto, con scrittura privata del 15 dicembre 2020, la società proprietaria ha disposto la remissione del debito della società conduttrice per l’importo corrispondente ai canoni di luglio e agosto 2020 e di una quota parte del canone di settembre 2020.
A fronte della rinegoziazione, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU