X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Revocatoria ordinaria con termini ampi e prove rigorose

Per il curatore la dimostrazione dell’eventus damni e del consilium fraudis implicano valutazioni ragionate

/ Saverio MANCINELLI

Giovedì, 25 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Dichiarato il fallimento, la legittimazione attiva all’esercizio dell’azione revocatoria ordinaria (ai sensi dell’art. 66 del RD 267/42, che richiama gli artt. 2901 e ss. c.c.) spetta esclusivamente al curatore e la competenza del giudizio è attribuita al tribunale fallimentare. La disciplina è destinata a rimanere pressoché immutata nel DLgs. 14/2019 (Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza, la cui entrata in vigore è differita al 16 maggio 2022), stante la formulazione contenuta nell’art. 165.

Per comprendere l’utilità dell’esercizio della revocatoria ordinaria per il curatore, è sufficiente considerare che le azioni “concorsuali” concesse per sterilizzare gli atti pregiudizievoli ai creditori (atti inefficaci ope legis o da

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU