X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Opzione donna non adeguata agli incrementi alla speranza di vita

L’INPS fornisce indicazioni sull’anticipo pensionistico riservato alle lavoratrici e prorogato dalla legge di bilancio 2022

/ Luca MAMONE

Venerdì, 14 gennaio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Tra le diverse misure in materia pensionistica previste dalla legge di bilancio 2022 (L. 234/2021), si segnala, all’art. 1 comma 94, la possibilità di accedere al trattamento pensionistico anticipato c.d. “Opzione donna”, di cui all’art. 16 del DL 4/2019, per le lavoratrici che hanno maturato i requisiti richiesti entro il 31 dicembre 2021 e non più il 31 dicembre 2020, come da disposizione previgente.

Giova ricordare che Opzione donna è un regime sperimentale introdotto in origine dall’art. 1 comma 9 della L. 243/2004, che offre alle lavoratrici la possibilità di pensionarsi con un requisito di età e contributivo nettamente ridotto, in cambio del ricalcolo dell’assegno col sistema integralmente contributivo.

In merito alla disposizione prevista dalla legge ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU