Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 6 febbraio 2023 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Legittimo il trasferimento del dipendente che assiste un disabile

La tutela prevista dall’art. 33 comma 5 della L. 104/1992 riguarda solo le ipotesi di mobilità per ordinarie ragioni tecniche e produttive dell’azienda

/ Giulia PONZO

Sabato, 12 novembre 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 33429 depositata ieri, la Cassazione ha statuito che la tutela di cui al comma 5 dell’art. 33 della L. 104/1992, prevista nei confronti del lavoratore che assiste con continuità una persona affetta da grave disabilità a non essere trasferito senza il suo consenso presso un’altra sede, attiene alle sole ipotesi di mobilità per ordinarie ragioni tecniche e produttive dell’azienda.

La Suprema Corte si è pronunciata a seguito di un ricorso avanzato da un dipendente che, pur beneficiando dei permessi concessi dal legislatore per assistere una persona con disabilità (ai sensi dell’art. 33 comma 3 della L. 104/1992), era stato trasferito senza il suo consenso, ritenendo che detto trasferimento potesse essere legittimamente disposto solo quale alternativa alla

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU