X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 febbraio 2021

FISCO

Brexit, necessario il rappresentante fiscale per recuperare l’IVA in Italia

La nomina deve avvenire anteriormente all’effettuazione della prima operazione

/ Simonetta LA GRUTTA

Giovedì, 24 dicembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il 31 dicembre 2020 terminerà il periodo transitorio, iniziato lo scorso 1° febbraio, e gli effetti della Brexit si produrranno in tutta la loro complessità.
Uno dei primi ambiti che, già dal 1° gennaio 2021, sarà interessato dalle conseguenze del fatto che il Regno Unito, a seguito dell’accordo di recesso, diverrà “Paese terzo” è quello degli obblighi IVA che gli operatori economici inglesi sono tenuti ad assolvere in Italia in relazione (principalmente seppure non esclusivamente) alla commercializzazione di beni in Italia.

Ad oggi, un soggetto passivo residente nel Regno Unito che acquista beni in Italia e ivi li cede a soggetti passivi d’imposta, stabiliti nel territorio dello Stato, si trova in costante posizione creditoria IVA. Ciò a causa del fatto che l’imposta

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU