ACCEDI
Martedì, 25 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Ristrutturazione trasversale per il concordato in continuità indiretta

La finanza esterna non rappresenta un surplus concordatario ed è liberamente distribuibile

/ Antonio NICOTRA e Marco PEZZETTA

Mercoledì, 8 maggio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza del 14 marzo 2024, il Tribunale di Mantova è intervenuto sul tema dell’omologa eteronoma nell’ipotesi di concordato in continuità indiretta, con cessione dell’unica azienda, liquidazione atomistica di altri asset e apporto di finanza esterna.

Nel caso di specie, a fronte della mancanza della maggioranza prevista dall’art. 109 del DLgs. 14/2019 (CCII) ai fini del voto, era stata richiesta l’omologazione ex art. 112 comma 2 del DLgs. 14/2019 (ristrutturazione trasversale dei debiti – c.d. cross class cram down).

Il concordato c.d. “misto” va inquadrato nella fattispecie del concordato in continuità, essendo a tal fine sufficiente una componente di qualsiasi consistenza di prosecuzione dell’attività aziendale, tanto al momento dell’ammissione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU