ACCEDI
Mercoledì, 29 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Non rilevante ai fini IVA la cessione delle opere di urbanizzazione a scomputo dei relativi oneri

/ REDAZIONE

Mercoledì, 17 aprile 2024

x
STAMPA

Le cessioni di opere di urbanizzazione e delle aree necessarie alla loro realizzazione, a scomputo degli oneri di urbanizzazione, non sono rilevanti ai fini IVA. Si tratta di quanto ribadito dall’Agenzia delle Entrate nella risposta a interpello n. 92 pubblicata ieri, 16 aprile 2024.

Il caso in esame riguarda una società che ha ceduto a un Comune, a titolo gratuito, un lotto edificabile da destinare a uffici pubblici in base a una convenzione stipulata per l’attuazione di un Piano Particolareggiato.

L’art. 51 della L. 342/2000 prevede che “Non è da intendere rilevante ai fini dell’imposta sul valore aggiunto, neppure agli effetti delle limitazioni del diritto alla detrazione, la cessione nei confronti dei comuni di aree o di opere di urbanizzazione, a scomputo di contributi di urbanizzazione o in esecuzione di convenzioni di lottizzazione”.

In sintesi, tale norma esclude dal campo di applicazione dell’IVA “le cessioni effettuate a titolo gratuito a favore dei Comuni dalle imprese a cui lo stesso ente ha rilasciato delle concessioni edilizie, alla duplice condizione che dette cessioni abbiano ad oggetto aree ed opere di urbanizzazione e siano effettuate a scomputo di contributi di urbanizzazione o in esecuzione di convenzioni di lottizzazione” (ris. Agenzia delle Entrate n. 140/2009).

Nel caso di specie, la citata disposizione è stata considerata applicabile, in quanto la cessione del lotto e delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria rappresentano il contributo di urbanizzazione versato in natura dal concessionario nell’ambito di un rapporto tributario con il Comune.

TORNA SU