ACCEDI
Giovedì, 25 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Eccedenze pregresse non trasferibili all’IVA di gruppo anche se maturate ante 2008

La regola vale anche per il credito IVA «rigenerato» a seguito di definizione delle liti pendenti

/ Corinna COSENTINO

Giovedì, 23 maggio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la recente risposta a interpello n. 111/2024, l’Agenzia delle Entrate è tornata sul tema della gestione dei crediti IVA maturati anteriormente all’ingresso nella liquidazione IVA di gruppo ex art. 73 comma 3 del DPR 633/72. Secondo quanto disposto dalla norma citata, tali eccedenze a credito non possono essere compensate all’interno del gruppo.

La disciplina è in vigore dal 2008 ed è stata così modificata dall’art. 1 commi 63 e 64 della L. 244/2007, al fine di evitare abusi nell’utilizzo dell’istituto. Si ricorda infatti che il regime di liquidazione IVA di gruppo è finalizzato a evitare che soggetti “stabilmente vincolati da controlli azionari possano soffrire i pregiudizi finanziari che si verificherebbero ove – versando taluni in posizione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU