ACCEDI
Sabato, 20 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Da modificare i criteri per il compenso dell’amministratore giudiziario per beni confiscati

Il CNDCEC e la FNC forniscono linee guida e propongono emendamenti al DPR 177/2015

/ Antonio NICOTRA

Mercoledì, 19 giugno 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il CNDCEC e la FNC, con un documento pubblicato ieri, hanno fornito le “Linee guida in materia di compenso dell’amministratore giudiziario e del coadiutore dell’ANBSC” (Agenzia nazionale per l’amministrazione dei beni confiscati) con l’obiettivo di supportare il professionista amministratore/custode giudiziario-coadiutore nella determinazione del compenso.

Il documento (allegato n. 3) formula alcune proposte emendative al DPR 177/2015 per fronteggiare le incertezze interpretative e le prassi svantaggiose sui compensi dei professionisti.
Prima di tale DPR, i compensi dell’amministratore giudiziario venivano liquidati, infatti, secondo le prassi (non uniformi) dei tribunali, basate principalmente sui tariffari professionali, poi abrogati. A conclusione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU