X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

L’avviamento rientra nella plusvalenza imponibile da cessione d’azienda

/ Enrico ZANETTI

Lunedì, 15 marzo 2010

Nel caso di cessione di un complesso aziendale, può accadere che, al momento del suo perfezionamento, risulti iscritto in capo al cedente un avviamento fiscalmente riconosciuto, relativo al complesso aziendale oggetto di trasferimento.
Ciò può verificarsi, tipicamente, quando:
- il cedente abbia a sua volta acquisito a titolo oneroso il complesso aziendale che ora “rivende”, iscrivendo nel proprio attivo patrimoniale l’importo pagato a titolo di avviamento;
- al momento della “rivendita” dell’azienda, il processo di ammortamento fiscale dell’avviamento a suo tempo pagato non sia stato ancora concluso, residuando quindi un determinato ammontare di avviamento fiscalmente riconosciuto in relazione all’azienda che viene trasferita.

In questi casi, si

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU