X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Ipo-catastali fisse sui trasferimenti di immobili storico-artistici

/ Enrico ZANETTI

Venerdì, 19 marzo 2010

La legge pone a carico dei possessori di immobili riconosciuti di interesse storico o artistico numerosi vincoli, sia in ordine alle modalità di disposizione del bene, sia in ordine alla sua manutenzione ed alla conservazione in buono stato.
In virtù di tale fatto, al possessore di questi immobili sono concesse numerose agevolazioni fiscali, sia ai fini delle imposte dirette che ai fini delle imposte indirette, a compensazione della contrazione del proprio diritto che dai predetti vincoli deriva.

Per quanto concerne ad esempio l’imposta di registro, il quarto periodo dell’art. 1 della Tariffa allegata al DPR 131/1986 prevede che sugli atti di trasferimento di questi immobili si applichi l’aliquota del 3%, anziché quella ordinaria del 7%.

Con riferimento all’ambito delle ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU