X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

La contabilizzazione dei debiti verso il collaboratore dell’impresa familiare

/ Enrico ZANETTI

Venerdì, 2 aprile 2010

x
STAMPA

L’art. 230-bis del codice civile attribuisce alcuni diritti patrimoniali al collaboratore familiare dell’impresa, tra cui in particolare il diritto di partecipazione agli utili e agli incrementi del valore dell’impresa, compreso l’avviamento.
È dibattuto se i diritti patrimoniali, riconosciuti dall’art. 230-bis del codice civile al collaboratore familiare, rappresentino:
- debiti personali del titolare dell’impresa familiare,
- oppure debiti direttamente afferenti l’impresa familiare.

La posizione prevalente è tuttavia quella che li considera debiti personali del titolare dell’impresa familiare (si è espressa in questo senso anche l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 176/E del 28 aprile 2008 ).
La circostanza che i diritti patrimoniali ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU