X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Registro proporzionale per la cessione d’azienda frazionata

La Cassazione riqualifica l’atto realizzato mediante plurime cessioni immobiliari, anche se i beni aziendali sono solo potenzialmente produttivi

/ Anita MAURO

Martedì, 20 aprile 2010

x
STAMPA

Deve essere qualificato come cessione di ramo d’azienda l’atto di trasferimento di una quota indivisa di un complesso immobiliare che, collocandosi all’interno di una serie negoziale, contribuisce alla cessione dell’intera azienda.
Anche la cessione di beni solo potenzialmente produttivi, inoltre, può configurare una cessione d’azienda ai fini dell’applicazione delle imposte indirette, in quanto, per l’applicazione dell’imposta di registro proporzionale, non è necessario che l’esercizio dell’impresa sia attuale, ma è sufficiente l’attitudine potenziale all’utilizzo del bene ceduto per un’attività d’impresa.

Così ha stabilito la Corte di Cassazione nella sentenza 16 aprile 2010 n. 9163, cassando con rinvio la sentenza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU