X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Ci vuole «diligenza» per non perdere le agevolazioni per la proprietà contadina

Il ritardo nella presentazione della documentazione è scusabile solo se il contribuente dimostra di aver fatto il possibile per rispettare i tempi

/ Anita MAURO

Giovedì, 29 aprile 2010

x
STAMPA

Per evitare di perdere i benefici inerenti all’applicazione delle imposte di registro e ipotecaria, previsti per la piccola proprietà contadina, il contribuente deve dimostrare non solo che il superamento del termine di tre anni, per la presentazione del certificato attestante l’esistenza dei requisiti, è dovuto a colpa dell’Ufficio competente a produrlo, ma anche di aver operato con adeguata diligenza per conseguire la documentazione in tempo utile.
Queste le precisazioni fornite dalla Corte di Cassazione, con la sentenza 16 aprile 2010 n. 9159.

Si ricorda che l’agevolazione in parola (introdotta dalla L. 6 agosto 54 n. 604) consente l’applicazione delle imposte di registro ed ipotecaria in misura fissa (l’imposta catastale resta dovuta nella misura ordinaria

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU