X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

La cessione del credito deve essere economica

/ Duilio LIBURDI

Venerdì, 4 giugno 2010

x
STAMPA

In tema di gestione delle perdite su crediti, non è infrequente che i contribuenti provvedano alla “dismissione” del credito vantato nei confronti di un soggetto terzo ma di incerta recuperabilità preferendo, nell’ottica dell’economicità della scelta, monetizzare la posizione.
Soprattutto in relazione all’ipotesi di cessione del credito mediante la formula pro soluto, si deve tenere conto dell’opinione espressa prima dalla giurisprudenza e recepita poi da parte dell’amministrazione finanziaria.

In sede giurisprudenziale, la vicenda legata alla cessione di un credito pro soluto è stata esaminata, da ultimo, dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 7555 del 23 maggio 2002 nella quale si afferma come “L’art. 66, 3° comma, (ora articolo 101, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU