X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 26 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Il rinvio al verbale dell’INPS deve essere motivato

/ Alfio CISSELLO

Giovedì, 19 agosto 2010

L’avviso di accertamento deve essere adeguatamente motivato, in modo da rendere edotto il contribuente del fondamento di ogni recupero a tassazione, specie ove la maggiore pretesa derivi da atti formati da autorità amministrative non appartenenti a quella finanziaria, come per esempio l’INPS.

Nel caso esaminato dalla Commissione tributaria provinciale di Treviso (sentenza dell’8 giugno 2010 n. 65/6/10), i giudici hanno annullato un accertamento siccome la motivazione si basava su atti provenienti dall’INPS nei quali si presumeva che due pensionati avessero prestato la loro attività lavorativa a favore della società “accertata”, senza, però, che il contribuente potesse visionare le dichiarazioni rilasciate all’Istituto dai presunti lavoratori “in

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU