X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 28 marzo 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

L’amministratore «astenuto» non può impugnare la delibera

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 23 settembre 2010

L’amministratore che si astiene dalla votazione non è legittimato ad impugnare la delibera comunque adottata dal consiglio di amministrazione.
Lo ha stabilito il Tribunale di Milano nella sentenza 24 maggio 2010 n. 6839.

Le differenze riscontrabili nella formulazione degli artt. 2388 comma 4 (che legittima all’impugnazione delle delibere consiliari gli amministratori “assenti” e “dissenzienti”) e 2377 comma 2 c.c. (che legittima all’impugnazione della delibera assembleare i soci “assenti”, “dissenzienti” e “astenuti”), infatti, escluderebbero la possibilità di risolvere il problema invocando un mero difetto di coordinamento in conseguenza del quale, nell’ambito della disciplina dell’impugnazione delle deliberazioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU