X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 6 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Donazioni indirette con l’incognita delle aliquote

/ Anita MAURO

Lunedì, 20 settembre 2010

La donazione non è il solo strumento attraverso il quale sia possibile realizzare un atto di liberalità.
L’ordinamento ammette, infatti, che la causa liberale sia realizzata utilizzando altri atti o negozi. Ad esempio, colui che paghi il debito di un amico senza esercitare il proprio diritto di regresso, realizza una liberalità senza alcun atto di donazione. Tale gesto, infatti, realizza lo stesso risultato che si otterrebbe donando al proprio amico la somma necessaria per pagare il debito.

Quando l’intento liberale viene realizzato tramite un atto giuridico diverso dalla donazione, si realizza una liberalità indiretta.
Dal punto di vista fiscale, le donazioni indirette possono risultare soggette all’imposta sulle successioni e donazioni.
Tale imposta è stata reintrodotta ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU