X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

FISCO

Cedolare secca sugli affitti, i profili di criticità

Li ha illustrati ieri, in audizione alla Commissione Finanze del Senato, il direttore dell’Agenzia delle Entrate Befera

/ Michela DAMASCO

Martedì, 7 dicembre 2010

x
STAMPA

Ieri, nel corso di un’audizione alla Commissione Finanze e Tesoro del Senato, il direttore dell’Agenzia delle Entrate Attilio Befera ha fornito un’analisi dello schema di DLgs. recante disposizioni in materia di federalismo fiscale municipale, rilevando i profili critici della cedolare secca sugli affitti, così come prevista dall’art. 2 del citato decreto.
La cedolare costituisce – ha ricordato Befera – una modalità “alternativa e facoltativa” di determinazione del reddito fondiario, esperibile previa opzione: il locatore può cioè applicare l’aliquota del 20% sul canone di locazione annuo relativo a contratti aventi ad oggetto beni immobili a uso abitativo e relative pertinenze. Il regime, in base al decreto, decorrerà dal 2011 e sostituirà IRPEF e relative ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU