X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Il pagamento nel libro giornale del debitore non prova la distrazione

Per la Cassazione, la sola iscrizione di una somma pagata in favore della società creditrice fallita, di per sé, è un mero indizio privo di gravità

/ Maurizio MEOLI

Martedì, 7 dicembre 2010

x
STAMPA

La sola iscrizione nel libro giornale del debitore dell’avvenuto pagamento di una somma di denaro in favore della società creditrice fallita non può legittimare l’affermazione di responsabilità per bancarotta fraudolenta per distrazione in capo all’amministratore unico della società creditrice medesima.
A stabilirlo è la Corte di Cassazione nella sentenza n. 43340 di ieri, 6 dicembre 2010.

L’amministratore unico di una società veniva condannato in primo grado per i reati di bancarotta fraudolenta per distrazione, ritenendosi che si fosse impossessato di circa 15.000 euro versati da una società debitrice, e di bancarotta semplice, per non avere annotato nelle scritture contabili tale operazione.
La sentenza veniva confermata in appello, seppure a fronte di una riduzione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU