X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

FISCO

Cedolare secca sugli affitti, i profili di criticità

Li ha illustrati ieri, in audizione alla Commissione Finanze del Senato, il direttore dell’Agenzia delle Entrate Befera

/ Michela DAMASCO

Martedì, 7 dicembre 2010

x
STAMPA

Ieri, nel corso di un’audizione alla Commissione Finanze e Tesoro del Senato, il direttore dell’Agenzia delle Entrate Attilio Befera ha fornito un’analisi dello schema di DLgs. recante disposizioni in materia di federalismo fiscale municipale, rilevando i profili critici della cedolare secca sugli affitti, così come prevista dall’art. 2 del citato decreto.
La cedolare costituisce – ha ricordato Befera – una modalità “alternativa e facoltativa” di determinazione del reddito fondiario, esperibile previa opzione: il locatore può cioè applicare l’aliquota del 20% sul canone di locazione annuo relativo a contratti aventi ad oggetto beni immobili a uso abitativo e relative pertinenze. Il regime, in base al decreto, decorrerà dal 2011 e sostituirà IRPEF e relative ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU