Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 settembre 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

«Infedeltà patrimoniale» con sequestro ampio

Nel vantaggio economico derivante dal reato non rilevano i costi

/ Maurizio MEOLI

Martedì, 12 aprile 2011

x
STAMPA

Ai fini del sequestro preventivo funzionale alla confisca per equivalente del profitto del reato di infedeltà patrimoniale (ex artt. 2634 e 2641 c.c.) occorre considerare l’intero vantaggio economico direttamente derivante dalla fattispecie, senza procedere al raffronto tra componenti positive e negative di reddito. Lo ha precisato la Suprema Corte nella sentenza 8 aprile 2011 n. 14225. Tizio, Caio e Sempronio costituivano nel 2007 una società (Alfa) avente ad oggetto sociale la progettazione e l’esecuzione di allestimenti nel settore navale ed in quello civile. Tizio e Caio erano contestualmente titolari delle quote di una srl (Beta) che svolgeva la medesima attività. La prima società, diversamente dalla seconda, si era dotata di una struttura idonea e di personale qualificato ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU