ACCEDI
Sabato, 20 aprile 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Diritti del socio «recedente» fino alla liquidazione delle azioni

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 18 luglio 2011

x
STAMPA

Il Tribunale di Tivoli, nell’ordinanza 14 giugno 2010, già oggetto di commento (si veda “Revoca del recesso da società di capitali tra mille dubbi” del 14 luglio 2011), ha stabilito anche che il recesso da una spa, quale atto unilaterale recettizio, non determina l’immediata cessazione del rapporto sociale, ma si limita ad attivare il complesso meccanismo di liquidazione del valore e di rimborso della quota di partecipazione al capitale sociale, al cui esito cessa il rapporto predetto.

Anche su questo profilo sussistono ricostruzioni differenti. A giudizio di Trib. Napoli 14 gennaio 2011, infatti, pur in mancanza di annullamento delle azioni o di liquidazione del relativo valore, il recesso esercitato dal socio è efficace dal momento in cui la dichiarazione è ricevuta ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU