X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Possibile smentire i dati indicati in bilancio

Le appostazioni in bilancio hanno, al più, valore probatorio di confessione stragiudiziale e non di prova legale o di presunzione assoluta

/ Maurizio MEOLI

Sabato, 1 settembre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le appostazioni in bilancio – trattandosi di comunicazione sociale indifferentemente rivolta ai soci, ai creditori e al pubblico – hanno, nei confronti della società cui esso è riferibile, al più valore probatorio di confessione stragiudiziale, dunque non di prova legale o di presunzione assoluta (iuris et de iure) insuscettibile di smentita, ma solo di indizio liberamente apprezzabile dal giudice.
A precisarlo è il Tribunale di Milano nella sentenza 20 giugno 2012 n. 7473.

Nel caso di specie, il curatore del fallimento di una srl agiva nei confronti dei relativi amministratori dal momento che nei bilanci al 31 dicembre 2002 e al 31 dicembre 2003 avevano iscritto il costo di alcuni software alla voce “Altre immobilizzazioni immateriali” senza assoggettare gli stessi ad ammortamento; ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU