X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LETTERE

Negli enti previdenziali privati, il problema sono i «grandi numeri»

Venerdì, 7 settembre 2012

x
STAMPA

Caro Direttore,
ci risiamo. Leggere l’intervento del Presidente di CNPR Saltarelli su Eutekne.info (si veda “È giusto che anche i fondi pensionistici privati razionalizzino i costi”) mi fa tornare per un attimo al mare, ricordandomi le onde che si riversano sulla battigia e che riportano a galla eventuali oggetti.

Nella lettera, Saltarelli giustamente affronta l’attualissima problematica della revisione dei costi (o spending review, che è più di moda) negli enti previdenziali italiani, sollecitando un’opera di rinnovamento trasparente e mirata alla razionalizzazione e all’efficienza delle spese e mettendo in risalto quanto sta avvenendo nel suo Ente.
Come dargli torto, in generale e nel particolare?

Ma ecco che torna a galla l’usuale refrain: l’essere separati in una casa comune, il vuoto normativo, le posizioni personali a difesa delle autonomie e quant’altro, facendo trasparire la necessità di un qualcosa che intelligentemente non nomina. Non so sino a quando il nostro ”avviamento demografico” ci permetterà di essere una Cassa di pochi iscritti “puri ed eletti”, perché giustamente il problema sono i grandi numeri. E i grandi numeri, ad oggi, ci dicono che è giusto così.

Sono sicuro che l’Assemblea dei Delegati e il futuro Consiglio di Amministrazione della CNPADC non si discosteranno da questa linea, quantomeno sino a quando non muteranno talune premesse.


Ernesto Franco Carella
Presidente AIDC

TORNA SU