X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Con l’apporto di capitale, associazione in partecipazione senza conversione

In alcuni casi, le restrizioni imposte dalla riforma del mercato del lavoro non si applicano e non costringono alla trasformazione in lavoro subordinato

/ Paolo MENEGHETTI

Venerdì, 7 settembre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il contratto di associazione in partecipazione ha subìto rilevanti modifiche a seguito della L. 92/2012 (riforma del mercato del lavoro), volte ad individuare i casi di abuso nell’utilizzo di questo istituto, volendo mascherare con il contratto stesso altre tipologie di rapporto tra un committente e persone fisiche che svolgono una determinata prestazione. Pur con gli aggiustamenti e le restrizioni prodotte dal citato decreto, il contratto di associazione in partecipazione può continuare ad essere applicato in una serie piuttosto estesa di casi senza alcun timore di conversione in rapporto in lavoro subordinato.

Il contratto di associazione in partecipazione, disciplinato dagli articoli 2549-2554 c.c., è un contratto di scambio sinallagmatico, poiché sono previste prestazioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU